Un evento per un pubblico esclusivista – gli amanti della vera letteratura e cultura italiana e romena insieme.

0
67
Domenica del 26 marzo 2017, sala conferenze di Casa della Cultura di Villa De Sanctis, Comune di Roma, Quinto Municipio, inziando alle ore 13, nella ventitreesima edizione del Cenacolo Letterario Romeno di Roma, ha avuto luogo la celebrazione della Giornata Mondiale della Poesia, dedicata a Francesco Petrarca ed alle sue influenze nella cultura italiana, romena e anche universale. L’evento è stato organizzato dall’Associazione Cenacolo Letterario Romeno di Roma, assieme all’Associazione Ecomuseo Casilino, rappresentata dalla Dott-sa Stefania Ficacci. Un evento con il patrocinio del Comune di Roma e L’Ambasciata Romena in Italia, con la partecipazione dei rappresentanti dalle diverse associazioni, tra cui Ugo Spinella della Rete di Sicurezza Attiva – Onlus, Toni R della ”Responsabilità Sociale Onlus”, Maria Bogdan del gruppo ”Noi suntem români” (Noi siamo romeni), Simona Vasile dal prestigioso gruppo ”Arpeggio & Roua”, una band che fa grande onore alla musica madrigale e coristica romena, Emanuele Latgliata della Televisione italo-romena Romit TV, Dott-sa Tatiana Ciobanu dall’associazione Dacia, la professoressa Maria Teresa Laudenzi dell’Istituto Via dei Papareschi (ex Colomba Antonietti) e molti altri. L’evento è iniziato con i ringraziamenti alle istituzioni che hanno reso possibile l’evento, poi le conferenze presentate dai rappresentanti delle associazioni sopra citati, moderate dal poeta Alexandru Popescu, un giovane studente, membro importante del Cenacolo Letterario Romeno di Roma. Sono stati presentati frammenti dell’opera di Francesco Petrarca, riguardanti la sua vita e la sua importanza per la cultura letteraria ed umanista. La Dott-sa Stefania Ficacci ha parlato della storia del luogo, del novantesimo anniversario del quartiere Torpignattara, il posto dove si trova la tomba di Sant’Elena, una delle figure più importante del cristianesimo, celebrata il 21 Maggio assieme al suo figlio San Costantino, il fondatore di Costantinopoli. Ugo Spinella ha recitato alcune delle sue opere e ha parlato di un progetto della sua associazione molto utile alle donne che subiscono violenze domestiche, La Valigia del salvataggio. La Dot-ssa Tatiana Ciobanu ha preannunciato la festa dell’unità della Moldavia con la Romania, celebrata oggi 27 Marzo, la professoressa Maria Teresa Laudenzi ha recitato Petrarca, Emanuele Latagliata nel suo discorso ha parlato dell’importanza della cultura di entrambi i paesi e dei programmi comuni italo-romeni ed ha ribadito la scarsa partecipazione della comunità romena di Roma, anche se questa è la più numerosa. I più graditi momenti sono stati creati dai giovanni, Denis Paraschiv, uno studente quindicenne, cha ha parlato di Petrarca, e Alexandru Popescu sopra nominato. Una giovane studentessa romena, Dumitrita Lunca, che è arrivata qui in Italia per un progetto di dottorato ha creato un momento di interessamento e ha ottenuto la partecipazione al suo progetto da parte di tutti i membri del Cenacolo Letterario Romeno di Roma perché il suo progetto riguarda la comunità romena e gli argomenti riguardanti l’amore. Molto gradita è stata la presenza del giornalista dei Castelli Romani, Federico Carabetta, un vero signore sempre presente agli eventi della comunità romena nel Lazio. Da parte di Radio Vocativ Romania è stata presenta la realizzatrice Corina F. Vatavu, ed anche Rodica Ciobotaru che ci ha portato l’ultima uscita del giornale ,,Emigrantul,,. Le pause per il rinfresco, offerto dai organizzatori nel foaer, sono state vere occasioni per socializzare e scattare foto di gruppo, poi, ancora più importante, la mostra dei libri che sono stati donati dagli autori stessi: Giancarlo Germani,Tania Della Bella, Ugo Spinella, Vasile Tudorache, Maria Ileana Tanase, Mariana Cornea, Stanica Vinatoru, Adrian Melicovici, Viorel Boldis, Liliana Nechita, o dagli alunni che hanno incontrato le organizzatrici della campagna di beneficenza ,,Amici di Daniel,, Eviana Euta e Doina Mustatea, per aiutare un giovane molto speciale e forte, ma attualmente nella difficoltà di lottare con una malattia pesante. Tutti i libri esposti sono stati destinati alla campagna ,,Amici di Daniel,, a libera offerta. Sono intervenuti, durante percorso della celebrazione di oggi, gli scrittori, membri del Cenacolo Letterario Romeno di Roma: Stanica Vinatoru, Alexandru Paraschiv, Mariana Bogdan, Mirela Leahu, Eviana Euta, Mariana Cornea, Maria Ileana Tanase, Doina Mustatea, Vasile Tudorache, Valeriu Barbu e quasi alla chiusura della celebrazione, ha cantato in romeno un trio di brave donne, le quali lavorano qui a Roma e sono spesso presente nelle edizioni del cenacolo: Mara Petruta, Petronela Vlad e Viorica. L’evento è stato un successo grazie ad un pubblico meraviglioso, gli amanti della letteratura, sia romeni che italiani, che hanno dato il valore con la loro presenza e hanno motivato tutti coloro che si sono manifestati davanti. Se non sono stati elencati qui è perché non sappiamo i loro nomi, o, la cosa sempre più importante, il pubblico non va quasi mai nominato!… Gli organizzatori ringraziano tutti e vi aspettano alle prossime edizioni del Cenacolo Letterario Romeno di Roma che si svolgeranno mensilmente ed ai loro eventi comuni con le associazioni italiane.

Fotografia postată de Valeriu Dg Barbu.
Îmi placeVezi mai multe reacţii

Comentează

LĂSAȚI UN MESAJ

Please enter your comment!
Please enter your name here

Acest sit folosește Akismet pentru a reduce spamul. Află cum sunt procesate datele comentariilor tale.